BRESCIA: LA COSTRUZIONE DELLA COMUNITA’ ATTRAVERSO LA CULTURA PARTECIPATA ED IL TEATRO

BRESCIA: LA COSTRUZIONE DELLA COMUNITA’ ATTRAVERSO LA CULTURA  PARTECIPATA ED IL TEATRO
0 0
Read Time4 Minute, 44 Second

IL PROGETTO FLORES SI CONCLUDE CON LA MESSA IN OPERA DEL TREKKING URBANO “SAN PAOLO INASPETTATO”

dell’addetta alla comunicazione istituzionale 

Sabato 7 e domenica 8 maggio giunge al termine il progetto FLOORES – comunità condominiale in fioritura realizzato da Teatro19 con il sostegno della Fondazione della Comunità Bresciana a valere sul bando “Brescia città del noi 2019” (che vede la Fondazione della Comunità Bresciana e il Comune di Brescia operare fianco a fianco per sostenere l’attività di solidarietà sociale delle molteplici organizzazioni non profit della città, strutturando e integrando una pluralità di interventi e iniziative) e col sostegno di Fondazione ASM.

Dopo le vicissitudini legate alla pandemia il progetto si conclude con un TREKKING URBANO ad hoc lungo le vie e attraverso gli spazi del quartiere San Polo, con partenza ed arrivo alla Torre Cimabue, centro del progetto.

FLOORES – comunità condominiale in fioritura

Progetto di Teatro19 per la Torre Cimabue

Il progetto FLOORES – comunità condominiale in fioritura risultato assegnatario, nel 2019, della settima edizione del Bando “Brescia – Città del Noi”, che vede la Fondazione della Comunità Bresciana e il Comune di Brescia operare fianco a fianco per sostenere l’attività di solidarietà sociale delle molteplici organizzazioni non profit della città, strutturando e integrando una pluralità di interventi e iniziative. L’obiettivo è infatti quello di trasformare la cura degli altri in una responsabilità e un’occasione che riguarda tutti, per fare di Brescia una comunità basata sul “noi”, come evidenzia il titolo del Bando.”

Il progetto, inizialmente pensato a partire da Aprile 2020 fino alla fine di Maggio 2021, ha dovuto essere rimodulato nelle sue azioni a causa della pandemia Covid 19, delle regole imposte e delle condizioni cambiate nel frattempo.

Sono state comunque proposte e attuate 5 azioni come da progetto originale, rivolte agli abitanti del condominio Torre Cimabue e ai cittadini del quartiere di San Polo, coinvolgendo inoltre nell’esito pubblico la cittadinanza in generale:

  • laboratorio teatrale per bambini, in collaborazione con Elefanti Volanti (Ludoteca), 2 annualità. La prima annualità si è svolta, come da progetto, da settembre 2020 a maggio 2021. Concludendosi con un saggio finale svolto sulla piastra della Torre Cimabue. Al laboratorio, condotto in sinergia dall’attrice-regista Roberta Moneta e dalla poetessa Maria Zanolli. L’esito positivo dell’esperienza di collaborazione ha spinto Elefanti Volanti e Teatro19 a riproporre l’esperienza da ottobre 2021 ad aprile 2022; esperienza conclusasi con la performance “Il mondo in un barattolo”;
  • laboratorio teatrale per adolescenti, in collaborazione con Elefanti Volanti e La Rete, 1 annualità. Il laboratorio si è svolto, come da progetto, da settembre 2020 a maggio 2021. Al laboratorio hanno partecipato 7 ragazzi dai 15 ai 20 anni. Il laboratorio si è concluso con la realizzazione dello spettacolo “La principessa nella Torre – non la classica favola”, scritto dai ragazzi stessi, con la regia di Valeria Battaini, svoltosi negli spazi esterni della Torre e fruito non solo da genitori e amici dei partecipanti, ma anche da ragazzi e bambini abitanti della Torre;
  • laboratorio di drammaturgia di condominio, in collaborazione con La Rete e Casa delle Associazioni: una serie di incontri-merenda informali, durante i quali vengono realizzate interviste agli abitanti, riguardanti storie di vita e esperienza abitativa nel contesto. Le interviste vengono poi rielaborate, ridotte e restituite al pubblico all’interno dell’azione “Trekking Urbano”. Sia il lavoro di intervista, sia quello di rielaborazione drammaturgica vengono svolti da due operatrici di Teatro19 con competenze teatrali ma anche psicologiche;
  • 4 repliche di un “Trekking Urbano” prodotto ad hoc. Si tratta di una passeggiata a piedi nella zona intorno alla Torre, progettata e condotta insieme allo storico Marcello Zane, con incursioni artistiche che restituiscono i racconti e le suggestioni raccolte nelle interviste agli abitanti della Torre. I 30 spettatori previsti per ogni replica cammineranno lungo il percorso individuato, ascoltando la narrazione dello storico, e assistendo alle incursioni teatrali ad opera degli artisti di Teatro19, che restituiranno in questo contesto le narrazioni degli abitanti della Torre raccolte durante le interviste ed esito del laboratorio di drammaturgia di condominio;
  • Strategie di comunicazione ad hoc per i condomini della Torre, in collaborazione con La Rete e Casa delle Associazioni: locandine condominiali con avvisi relativi alle iniziative, distribuzione di avvisi cartacei nelle cassette delle lettere, passaparola. Comunicazione all’esterno attraverso newsletter, social network, stampa locale.

Destinatari del progetto sono stati:

  • gli abitanti del condominio Torre Cimabue nelle sue differenti fasce d’età (bambini, adolescenti, adulti e anziani);
  • abitanti del quartiere di San Polo
  • cittadinanza

Quello che abbiamo proposto è un progetto di collaborazione con le associazioni presenti nel contesto, finalizzato alla socialità e costruzione di senso di comunità attraverso la cultura partecipata e il teatro come strumento di relazione e di cambiamento.

Obiettivo principale del progetto è stato creare comunità all’interno della Torre, migliorando il tessuto sociale e relazionale. Ci siamo proposte di offrire occasioni di relazione e scambio, che abbiano aspetti ludici, ma che consentano soprattutto buone relazioni fra gli abitanti. Abbiamo proposto come strumento il teatro di inclusione sociale, che ha proprio nella costruzione di relazioni il suo punto di forza, con gli obiettivi di: incrementare il senso di appartenenza, migliorare la relazione fra gli abitanti e il contesto architettonico, valorizzare il luogo agli occhi degli abitanti (mirando ad aumentare il senso di responsabilità nei confronti dell’immobile e degli spazi esterni) e degli altri cittadini bresciani, coinvolgere nella produzione e fruizione di cultura fasce di popolazione tradizionalmente escluse, sviluppare buone pratiche di collaborazione con le realtà sociali e cooperative già operanti in quel contesto per condividere e sviluppare obiettivi comuni.

Il progetto FLOORES – comunità condominiale in fioritura si conclude ora con la messa in opera del TREKKING URBANO “San Polo inaspettato” frutto del laboratorio di drammaturgia di condominio del quale si può leggere più sopra.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
en_USEnglish