CISTERNINO: AFFASCINANTE, MISTERIOSO ED INCANTEVOLE COMUNE GIOIELLO E’ UNO DEI BORGHI PIU’ BELLI D’ITALIA; CITTA’ SLOW, BANDIERA ARANCIONE TOURING CLUB ITALIANO, CITTA’ PER LA PACE

CISTERNINO: AFFASCINANTE, MISTERIOSO ED INCANTEVOLE COMUNE GIOIELLO E’ UNO DEI BORGHI PIU’ BELLI D’ITALIA; CITTA’ SLOW, BANDIERA ARANCIONE TOURING CLUB ITALIANO, CITTA’ PER LA PACE
1 0
Read Time4 Minute, 30 Second

CISTERNINO IL BORGO DEI TRULLI BIANCHI IMMERSO NELLA VERDE CAMPAGNA DI BRINDISI IN PUGLIA

di Catalina Mioara Georgescu

Cisternino misterioso, affascinante, incantevole comune gioiello d’Italia

Ci troviamo nella Valle d’Itria in Puglia, un posto incantevole per il suo valore culturale, naturalistico, storico. Qui sorge il piccolo borgo Cisternino, con i suoi quasi 12.000 abitanti, caratterizzato dalla presenza dei Boschi Comunali, la formazione vegetale più grande di tutta la provincia, possedendo circa 200 ettari di macchia mediterranea e pineta sottoposti a vincolo forestale.

 

Tra ulivi secolari e i caratteristici trulli bianchi, davanti ad uno fantastico scenario della Valle d’Itria il paese di Cisternino venne eletto uno dei borghi più belli d’Italia ed è noto per il suo centro storico dove gli edifici si contraddistinguono per il loro tocco orientale.

Le casette bianche, strette l’una all’altra fanno di Cisternino un borgo dall’aspetto affascinante che ricorda una città greca.

Nel centro storico del paese, si affaccia davanti la Torre Grande, costruita tra I’XI ed XII secolo, che, ancora oggi svolge la sua funzione di protettrice storica come naturale punto di avvistamento. Questa torre è alta ben 18 metri. Poco distante, c’è un’altra torre, appartenente al sistema di difesa di epoca aragonese. Un’altra torre importante di Cisternino è quella dell’orologio, situata nella piazza principale.

Tra le meraviglie che Cisternino ci propone da visitare è la Chiesa Madre intitolata a San Nicola, dove si può ammirare e godere dal vivo il capolavoro rinascimentale della Madonna con Bambino scolpita in pietra nel 1517 da Stefano di Putignano, il tesoro d’arte più pregevole di Cisternino.

Dalla Chiesa parte un labirinto di vicoli e stradine piccole e curate, con porte e portoni a colori, lampioni, fiori di ogni genere e colore, e pale di fichi d’india ovunque. Le strade sono tutte bianche, come sono bianche le case e tutta l’architettura che caratterizza il borgo. Ogni angolo di Cisternino è una scoperta, ogni dettaglio è da immortalare e tenere nell’album dei ricordi.

Ai margini del borgo antico fuori dalla cinta muraria medievale, si trova la Chiesa di San Cataldo. La sua costruzione si deve ad Antonio Angrisani che morendo (1765) donò i suoi beni al Capitolo purché fossero destinati alla costruzione di una nuova chiesa, che fu aperta al pubblico nel 1783. Infatti essenziale è la decorazione barocca che avvolge il portale e la finestra mistilinea del secondo ordine. Nella parte esteriore ospita la figura di San Cataldo in abiti vescovili. Ulteriormente in seguito agli ultimi lavori di restauro è stato scoperto un sepolcro ipogeo con volte a botte, che si può intravedere solo per mezzo di alcuni specchi in quanto è impossibile l’accesso.

 

Il borgo di Cisternino racchiude nel centro storico la chiesetta di Santa Lucia.

Fra i tesori architettonici che troviamo a Cisternino ci sono: il Palazzo del Vescovo detto anche del barone, dato il duplice ruolo che il vescovo di Monopoli esercitò sulla città, Palazzo Amati con la relativa torre cilindrica, Palazzo Barbini, Palazzo Soleti Palazzo De Vitofranceschi, Palazzo Lagravinese e infine Palazzo Costa, risalente al XVI secolo, che si affaccia con le sue splendide balconate rinascimentali.

Cisternino, il borgo dei trulli bianchi immerso nella verde campagna…

Cisternino è unico, di una bellezza esclusiva, con i suoi angoli più remoti, nascosti tra i muri bianchi delle case costruite quasi ad incastro una dentro l’altro, tra i tetti e balconi che spuntano dappertutto, avvolti dal profumo della carne cotta ai fornelli fuori dalle macellerie, i muretti a secco, le masserie storiche e i tipici tetti spioventi detti “cummerse”, tramandando un antico fascino orientale.

Sopratutto Cisternino è nota per le sue bombette. Sono proprio le più famose perché il paese le ha trasformate in una vera e propria icona locale. Ma cosa sono le bombette?… sono un piatto tipico, anzi il piatto tipico, della Valle d’Itria, una vera e propria esplosione di sapore, una merenda e non solo.

Passeggiando per le vie del borgo si possono ammirare una serie di installazioni a tema: “Il Borgo che dondola”, che vogliono ricordare la spensieratezza dell’infanzia dopo il lungo periodo di alti e bassi che abbiamo attraversato, ma la cosa attraente e spettacolare sono i 33 centrini sul ponte della Madonnina che ruotano allo sfiorare del vento e delle mani dei fruitori. Sono stati realizzati da donne sapienti, come grandi mantra e preghiere scritte col cotone. Un grande momento di suggestione vi attende in questo movimento dove, come in natura, nulla è fermo ed ogni elemento è vibrazione.

Nel dicembre del 2012, Cisternino è stato il Comune d’Italia e forse del mondo ad essere più menzionato in merito della profezia Maya.

Il maestro indiano Babaji, avrebbe detto che Cisternino diventerà un’isola, parlando degli scenari successivi alla fine del mondo. La previsione non è scritta, ma si è tramandata oralmente. Ed è proprio per questo che il piccolo comune della Provincia di Brindisi circondato dai trulli è stato preso d’assalto in vista del 21 dicembre 2012, il giorno in cui, secondo la Profezia dei Maya, qualcosa di irripetibile giungerà a scuotere l’umanità. Perché, secondo interpretazioni teorizzate dai devoti di Babaji, è solo lì che ci si salverà: a Cisternino e dintorni…

Cisternino…il borgo dai colori vivaci come il verde degli ulivi e dei fichi e il rosso della terra unito al bianco, con le sue tradizioni, la sua arte, cultura, miti, i suoi trulli affascinanti…Vi Aspetta! Buon Viaggio!

 

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
100 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Print Friendly, PDF & Email

CATALINA MIOARA GEORGESCU

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
en_USEnglish