IL RITRATTO A INTERNATIONAL ART PRIZE GIOTTO. CLAUDIA SALVADORI

IL RITRATTO A INTERNATIONAL ART PRIZE GIOTTO. CLAUDIA SALVADORI
1 0
Read Time2 Minute, 13 Second

CLAUDIA SALVADORI, È PRIMO PREMIO CON L’OPERA RITRATTO PER LA SEZIONE DISEGNO E TECNICHE MISTE

di Melinda Miceli critico d’arte

La storia della rappresentazione della figura umana dall’antico impero egiziano ad oggi è fondamentale per l’evoluzione del concetto stesso di ritratto e autoritratto, messo in discussione e trasformato dai più celebri maestri dell’epoca in seguito ai grandi cambiamenti della società e alle tragedie della storia umana.

Si è svolta il 18 ottobre la quarta edizione del Prestigioso International art Prize Giotto dedicato alla figura artistica del noto pittore medievale che ha rivoluzionato la storia dell’arte. Ospiti dell’arte e della musica sono giunti a Siracusa per questo grande Evento d’arte, moda e Cultura in una fusione unica. Il Premio Giotto è un grande premio internazionale sostenuto da accreditati media e testate dell’arte italiana ed estera che si distingue per segnalare gli Artisti più notevoli dell’arte italiana nel mondo e quella estera in Italia attraverso la diffusione mediatica e l’interscambio ideato dal critico d’arte e direttore artistico onorifico Melinda Miceli. Claudia Salvadori, è primo premio con l’opera Ritratto per la Sezione disegno e tecniche miste. Motivazione: “Per l’elaborazione tecnica e l’incisività del disegno”.

Segue mia recensione all’opera in oggetto.

“Complessa manifestazione esteriore di una condizione fisica o psicologica, la descrizione dell’aspetto nel Ritratto di Claudia Salvadori, presenta un’originale e contemporanea rivisitazione del “realismo”, a cui sono state aggiunte delle particolari polveri che, attraverso linee perfettamente progettate e fresche, si vanno a depositare, sia sul volto, che sullo sfondo del dipinto conferendogli un’allure esotica.

I colori dell’elemento Terra, con tocchi degli elementi Aria e della pura Acqua, cesellano il volto della giovane Donna. Acconciata semplicemente, delinea la personificazione della bellezza naturale mentre i suoi lineamenti emergono ben sagomati sullo sfondo naturalistico. L’Artista ha voluto “recuperare” l’armonia della bellezza classica, spesso ormai smarrita, dell’eterno femminino, elidendo ogni forma di falsificazione moderna, della chirurgia che troppo spesso, anziché aiutare a correggere reali disarmonie creano innaturali proporzioni. Ritratto in perfetto tema con il progetto del Premio Giotto volto a ridare Valore alla vera Bellezza dove si assiste al trionfo della geometria sacra sull’anatomia e sulle proporzioni del volto. L’intensità dei tocchi di colore sulla tela, l’innovatività ed unicità è stata conferita da una personalissima rivisitazione di tecniche pittoriche e stili tradizionali. Lo sguardo sognante ma presente, pare quasi rapito all’interno di una sorta di realtà parallela, dove l’assenza d’identità del personaggio ritratto, diviene un mezzo irresistibile per indagare sull’enigma nascosto.  Elementi tecnici della perizia del disegno e del taglio dell’inquadratura enfatizzano nella figurazione la magica presenza del mondo interiore della modella”.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Print Friendly, PDF & Email

MELINDA MICELI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
it_ITItalian