NAXOS IL PICCOLO GIOIELLO DELLE CICLADI

NAXOS IL PICCOLO GIOIELLO DELLE CICLADI
2 0
Read Time2 Minute, 34 Second

LA MENO FAMOSA NAXOS HA LE SPIAGGE BIANCHE PIU’ LUNGHE DEL MAR EGEO E CUSTODISCE GRANDI TESORI

di Liliana Carla Bettini

Gli scintillanti edifici bianchi arroccati su una collina sopra le scintillanti acque blu, l’immagine stessa di un’isola greca, sono sufficienti per ispirare la voglia di viaggiare! 

Se sei pronto a trasformare una visita in realtà, Naxos è l’isola perfetta perché è più tranquilla e meno affollata delle più turistiche Santorini o Mykonos. 

Troverai molto da esplorare su quest’isola, comprese le spiagge più lunghe dell’Egeo, i castelli veneziani e i resti di un tempio costruito per il dio greco Apollo. 

Naxos è la più grande delle Cicladi, situata nel Mar Egeo meridionale. 

A solo una breve corsa in traghetto dalle isole più famose di Santorini e Mykonos, Naxos è ancora relativamente sconosciuta e quindi molto meno affollata delle sue famose isole sorelle.

Partire alla scoperta dei tesori di Naxos, significa scoprire le spiagge più lunghe dell’Egeo, dei pittoreschi villaggi di montagna dove il mezzo di trasporto preferito sono ancora i muli, le antiche rovine, i castelli e le dimore veneziane e i deliziosi frutti di mare. 

L’isola ha le spiagge più bianche e più grandi delle isole Cicladi. 

Agios Prokopios si trova a pochi chilometri dalla capitale e vicino alla spiaggia di Saint George. Plaka è un’altra ampia spiaggia, un po’ più lontana dalla città di Naxos così come Agia Anna.

Essendo questa la Grecia, naturalmente anche i racconti e le leggende degli antichi dei e dei loro miti circondano Naxos. 

Il più noto riguarda Ariane, principessa di Creta, Teseo e Dioniso, il dio del vino e dell’allegria. 

Dopo che Ariane aiutò Teseo a uccidere il mostro Minotauro a Creta, fuggirono e si fermarono a Naxos sulla strada per Atene. 

Ariane si addormentò sulla spiaggia mentre Teseo rimase a bordo della sua nave. 

Dioniso innamorato della bella Ariane, convinse Teseo ad andarsene. 

Quando Ariane si svegliò e scoprì di essere stata abbandonata, per ripicca sposò Dioniso.

Anche il dio Apollo era adorato sull’isola e uno dei monumenti più noti, e più fotografati, di Naxos sono le enormi rovine simili a porte di un tempio incompiuto di Apollo, chiamato Portara, che si erge sul piccolo isolotto di Palatia vicino all’ingresso del porto di Naxos.

L’isolotto è raggiungibile tramite una stretta strada rialzata lastricata. 

Preparati a essere spruzzato mentre le onde del mare si infrangono contro la strada rialzata, rendendo anche il sentiero scivoloso in alcuni punti. 

Palatia è strettamente legata alla leggenda di Ariane e Dioniso. 

Arrampicati con cautela sulle rovine che circondano il cancello e visita una chiesa cristiana del VI secolo che fu costruita su di esse. 

A metà della strada, vedrai alcune scale che conducono a una piscina naturale dove puoi fare anche un tuffo se lo desideri.

Anche Demetra, la dea del grano e del raccolto, era molto venerata nella fertile Naxos e il suo tempio del VI secolo a.C. presenta grandi esempi

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Print Friendly, PDF & Email

LILIANA CARLA BETTINI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
it_ITItalian