IL BORGO MEDIEVALE SOSPESO TRA CIELO E NATURA: SUBIACO, NEI PRESSI DI ROMA STORIA, CULTURA, ARTE, MONASTERI, LAGHI E MONTI: IL BORGO ANTICO AL CONFINE DEL PARADISO

IL BORGO MEDIEVALE SOSPESO TRA CIELO E NATURA: SUBIACO, NEI PRESSI DI ROMA  STORIA, CULTURA, ARTE, MONASTERI, LAGHI E MONTI: IL BORGO ANTICO AL CONFINE DEL PARADISO
1 0
Read Time4 Minute, 59 Second

LA FABRICAZIONE DELLA CARTA A MANO E DEGLI OPIFICI A SUBIACO, LA BANDIERA ARANCIONE 2021: SUBIACO UNO DEI BORGHI PIU’ BELLI D’ITALIA

di Catalina Mioara Georgescu

Subiaco nei pressi di Roma, il borgo medievale sospeso tra cielo e natura

 Un luogo privilegiato per fuggire dal caos della città e rifugiarsi tra la bellezza dei paesaggi e la tranquillità assoluta: il borgo di Subiaco.

Situato nella Valle dell’Aniene, nel Lazio, circondato dai Monti Simbruini, famoso per i suoi monasteri meta di pellegrinaggi da tutta Italia, con numerosi percorsi naturalistici e le sue meravigliose passeggiate nel verde, il Borgo Subiaco ci invita a scoprire le sue meraviglie, i suoi tesori, la sua storia, arte e cultura.

Subiaco, il borgo che ospita la “soglia del Paradiso”, uno dei più belli d’Italia, in grado di stupire Petrarca al punto da fargli pensare d’essere giunto in Paradiso.

Lo splendido borgo di Subiaco deve il suo nome alla posizione che vanta. La traduzione dal latino è infatti “sotto laghi”, con il riferimento ai tre laghi artificiali che sono stati generati dallo sbarramento del fiume Aniene.

Facendo un salto indietro fino al 55 d.c. per ripercorrere la storia di questo borgo annoverato tra i Borghi più Belli d’Italia, al tempo in cui l’Imperatore Nerone sfruttò una serie di dighe per ottenere degli specchi d’acqua artificiali per la maestosa villa realizzata sulla riva destra dell’Aniene, di cui oggi restano dei ruderi.

Storia, cultura, arte, monasteri, laghi e monti: il borgo antico al confine del paradiso

Uno dei punti strategici da visitare a Subiaco è il monastero di San Benedetto, detto anche Sacro Speco, nome che indica la grotta nella quale il Santo si era ritirato come eremita nel VI secolo. Il monastero è stato costruito sul monte Teleo, la struttura è composta da due chiese soprapposte e varie cappelle che sembrano formare un tutt’uno con la roccia, tanto è che alcune pareti sono costituite proprio dalla pietra. Il monastero benedettino è sorretto da nove arcate che si innalzano a strapiombo sulla valle creando un paesaggio mozzafiato. Al suo interno si possono ammirare decorazioni ed affreschi risalenti a diverse epoche; tra cui una delle più importanti è la raffigurazione di San Francesco (1223), realizzata tre anni prima della sua morte in occasione del suo soggiorno nel monastero. Sempre all’interno del Monastero di San Benedetto è visibile la Croce di San Benedetto, un simbolo dalle potenti proprietà di esorcismo e di protezione contro il maligno.

Sempre a Subiaco è presente il più antico monastero al mondo dell’ordine benedettino; si tratta del monastero di Santa Scolastica, l’unico rimasto in piedi dei tredici fondati da Benedetto da Norcia nella Valle dell’Aniene.

Passeggiando per le vie del centro del borgo, risale la Biblioteca Nazionale che custodisce manoscritti, pergamene e i primi incunaboli ritrovati in Italia.

Il nome del centro deriva dalla presenza delle botteghe artigiane del paese, girando poi per il cuore di Subiaco si può ammirare la Rocca Abbaziale, di origine medievale ma trasformata sotto la proprietà della famiglia Borgia. Una volta usciti dal borgo, si affaccia la Chiesa di San Francesco, che risale al 1327 ed altri edifici religiosi degni di nota, la basilica di Sant’Andrea e la Chiesa di Santa Maria della Valle e tanto altro.

Nei dintorni si scoprono altre meraviglie, tra cui i resti della Villa di Nerone, il Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini, molto interessante dal punto di vista naturalistico.

La fabbricazione della carta a mano e degli opifici a Subiaco.

 Il Borgo di Subiaco è un luogo del fare e del sapere, un Museo immersivo che coniuga la fruizione museale con la produzione di manufatti in carta, ma rappresenta anche un Museo produttivo che assembla l’esperienza culturale con la partecipazione alle lavorazioni. All’interno del Borgo sono ricostruiti tutti i macchinari di una cartiera dell’800 perfettamente funzionanti con i quali si tornerà a produrre Carta alla Forma ed oggettistica in carta con tecniche artigianali. Così facendo abbiamo raccolto la secolare esperienza e cultura della Cartiera di Subiaco, fondata nel 1587 da Sisto V.  e fornitrice dell’allora Stato Pontifico, con l’intento di trasformare quell’antico sapere in una moderna attività culturale, turistica ed economica.

Il premio “Bandiera Arancione” 2021 assegnato a Subiaco, uno dei Borghi più Belli d’Italia.

Ufficialmente dal 14 luglio 2021, la Città di Subiaco ha fatto la sua entry nel prestigioso Touring Club Italia ottenendo il premio “Bandiera Arancione”, superando un’approfondita e attenta analisi per la sostenibilità ambientale, l’innovazione tecnologica e sociale apportata al settore turistico. “Dopo il lavoro coordinato, importante e complesso finalizzato a trasformare una città a vocazione turistica in una città turistica, possibile grazie a tutti gli operatori che a vario titolo hanno risposto con coraggio, disponibilità e determinazione ad un nuovo orizzonte tracciato insieme e coordinato dall’Amministrazione, oggi possiamo comunicare che Subiaco è stata riconosciuta ufficialmente Bandiera Arancione Touring Club Italia. Un riconoscimento ambizioso, esclusivo, frutto di una valutazione complessa, che poche città ottengono e che riguarda una serie di caratteristiche essenziali per l’inserimento nel prestigioso club internazionale, frutto non solo della constatazione delle peculiarità artistiche e culturali, ma di una valutazione rigorosa sulle politiche attività negli ultimi anni di tutela e valorizzazione, ambientali e di animazione culturale”, sono state le parole del Sindaco di Subiaco, Francesco Pelliccia. Ma Subiaco è anche divertimento, festa e svago. Il 10 agosto si celebra la Festa di San Lorenzo, nel giorno delle stelle cadenti, ricordando la nascita del borgo nel 937. Il 14 agosto invece ci si ritrova in una vera e propria festa medievale, con due processioni in partenza dalle chiese di Santa Maria della Valle e di Sant’Andrea, due immagini votive trasportate a spalla fino all’incrocio a La Valle. Dal 20 al 22 marzo si festeggia in maniera continuata il patrono di Subiaco, con spettacoli, eventi e un mercato caratteristico presso la via dei monasteri.

… E non c’è niente di più bello dell’istante che precede il viaggio, l’istante in cui l’orizzonte del domani viene a renderci visita e a raccontarci le sue promesse…

Pronti? allora si parte… BUON VIAGGIO!

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
100 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Please follow and like us:

Archivio

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS
Follow by Email
it_ITItalian