LA RUBRICA SETTIMANALE: L’AVVOCATO NEL CASSETTO LE NOVITA’ DAL PIANETA GIUSTIZIA

1 0
Read Time3 Minute, 14 Second

LA SENTENZA DELLA SETTIMANA:- VIOLEZA PRIVATA.

di Cinzia Teresa Econimo

(Cass. pen., sez. V, 19/12/2019, n. 51236). In tema reato di condomino per parcheggio auto

 ” se parcheggio la mia propria vettura e/o il proprio motociclo nel mio posto auto condominiale ma oltre la linea di confine con il posto auto del vicino, commetto reato?”

Commette il reato di violenza privata il condomino che in più occasioni parcheggia la propria vettura nel suo posto auto condominiale ma oltre la linea di confine con il posto auto del vicino in modo da impedire a quest’ultimo di accedere al proprio parcheggio

La Cassazione, richiamando un orientamento consolidato della giurisprudenza di legittimità, ha affermato che integra il delitto di violenza privata anche la condotta di colui che parcheggi la propria autovettura in modo tale da bloccare o impedire l’accesso non solo nei cortili ma anche ai garage, rifiutandosi di spostarla. Infatti, ai fini della configurabilità del reato in questione, il requisito della violenza si identifica in qualsiasi mezzo idoneo a privare coattivamente l’offeso della libertà di determinazione e di azione (Cass. pen., sez. V, 19/12/2019, n. 51236).

Il caso:

Un condomino, in più occasioni, parcheggiava la propria vettura e/o il proprio motociclo nel suo posto auto condominiale oltre la linea di confine con il posto auto del vicino in modo da impedire a quest’ultimo di accedere al proprio posto auto. Per cercare di risolvere la questione la vittima ripetutamente si lamentava, oltre che con il colpevole, con l’amministratore del condominio. Successivamente il Tribunale – a cui la vittima dell’abuso si rivolgeva – affermava la penale responsabilità del posteggiatore abusivo per il delitto di violenza privata continuata, condannandolo anche al risarcimento del danno, in favore della persona offesa. La Corte di appello riduceva l’ammontare del risarcimento e confermava nel resto la sentenza impugnata, condannando l’imputato alla rifusione in favore della parte civile anche delle spese del grado di appello.

Il condannato ricorreva in cassazione lamentando, tra l’altro, la mancata acquisizione delle sue fotografie attraverso cui avrebbe potuto dimostrare la carenza del dolo, in quanto esse avrebbero dimostrato che le modalità di parcheggio della motocicletta e della automobile nel posto auto dell’imputato non differivano da quelle attuate dagli altri utenti del garage, che pure posteggiavano due autovetture nello stesso posto auto.

La motivazione

I giudici supremi hanno sottolineato come fosse provato il dolo atteso che la vittima, per le modalità con le quali l’imputato era solito parcheggiare i veicoli nel posto auto, si era lamentata più volte anche con l’amministratore del condominio, avvalendosi di un legale; di conseguenza – come ha osservato la Cassazione – avendo l’imputato ricevuto numerose diffide, non poteva certo ignorare che tali modalità impedivano al vicino l’accesso al suo posto. Alla luce di quanto sopra gli stessi giudici supremi hanno notato l’assoluta irrilevanza delle modalità con le quali gli altri utilizzatori del garage condominiale parcheggiavano i loro veicoli nei loro rispettivi posti e l’evidenza della natura non decisiva delle fotografie che l’imputato intendeva produrre. La Cassazione dava torto al ricorrente, condannandolo al pagamento delle spese processuali.

Anche il parcheggio nello spazio riservato ai disabili fa scattare il reato di violenza privata. La Suprema Corte ha sostenuto che in tal caso la “violenza” è consistita nell’aver impedito alla persona offesa, occupando uno spazio a lei riservato, di parcheggiare la sua vettura. Nel caso in esame, dunque, la Corte ritiene la sussistenza del reato ex art. 610 c.p., nonostante non sia stata impedita in modo diretto la marcia di un’altra auto, bensì sia stato soltanto impedito all’avente diritto di posteggiare, a nulla rilevando la circostanza per cui quest’ultimo avrebbe potuto posteggiare in un altro posto (Cass. pen., sez. V, 07/04/2017, n. 17794).

Avv. Cinzia Teresa Econimo contatti : www.avvocatoeconimo.it

Rubrica curata da Catalina Mioara Georgescu

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
100 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Please follow and like us:

Archivio

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS
Follow by Email
it_ITItalian