PER LA CAMPANIA RICONFERMATA LA ZONA GIALLLA.

0 0
Read Time2 Minute, 6 Second

IMPORTANTI RISULTATI POTREBBERO ARRIVARE IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL VIRUS A SEGUITO DI COLLABORAZIONE STATO REGIONE.

DI GIOVAMBATTISTA RESCIGNO

In serata si è venuto a conoscenza della notizia, inerente la decisione adottata dalla cabina di regia capitolina del Ministero della Salute “La Campania resta in area gialla”. Gli esperti oggi si sono riuniti per esaminare il caso Campania: dopo avere ascoltato i pareri e letti i documenti dei tecnici del ministero della Salute che hanno effettuato una ricognizione più precisa sui dati della epidemia di Covid-19, quindi la cabina di regia riconferma la Campania nell’area gialla, ovvero quelle aree ritenute a rischio moderato. Ora però, il ministero della Salute, il Viminale e il governatore De Luca, avranno l’arduo compito di elaborare ed emanare misure di controllo più restrittive, quasi da mini lockdown territoriali a zone rosse. In Campania si annoverano tra i comuni più in difficoltà Castellammare di Stabia e Giugliano. Mentre da oggi si legge sui media che anche le aree di Napoli e Caserta possano entrare in Zona Rossa. Potrebbe nascere un intesa tra la cabina d regia e la regione, e creare una sorta di collaborazione tra la cabina di regia e la Regione. Intanto se al Ministero a distanza di chilometri e non con il polso continuo della situazione, e fare l’assegnazione delle fasce anche di rischio intermedio, a Napoli, o meglio a Palazzo Santa Lucia si può pensare e decidere di chiudere – non tutto: si tratterebbe di una serie di provvedimenti e restrizioni più severe, in particolare creare delle zone al limite del lockdown dove la situazione epidemiologica è più problematica. Una serie di combinazioni che potrebbero in tal senso rendere meno scontenti sia i signori di Roma e della cabina di regia, sia il governatore De Luca che da settimane propone la chiusura di tutto il Paese, non solo della Campania. Al fine di contrastare e contenere il diffondersi del contagio da Covid-19 il ministro della Salute, Roberto Speranza, dopo aver consultato i Presidenti delle Regioni interessate e sentito il pensiero sulle problematiche, ha tratto le sue conclusioni ed ha firmato l’Ordinanza che individua le Regioni più fortemente colpite ed interessate anche a seguito degli accertamenti eseguiti da personale del ministero della salute, letto il report dell’Istituto superiore di sanità, che passano dall’area gialla a quella arancione e rossa (rischio alto, livello 3 l’area arancione;  rischio alto, livello 4 l’area rossa). Le misure previste dall’Ordinanza entrano in vigore oggi 11 novembre 2020.

 

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Print Friendly, PDF & Email

GIOVAMBATTISTA RESCIGNO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
it_ITItalian