LOCKDOWN?, SE SI VA AVANTI COSI’ TRA UN POCO SI RIAPRE, ANZI SI RICHIUDE

LOCKDOWN?, SE SI VA AVANTI COSI’ TRA UN POCO SI RIAPRE, ANZI SI RICHIUDE
Read Time1 Minute, 43 Second

OLTRE 500 I FOCOLAI DA CORONAVIRIUS ATTI, IN PARTICPOLARE NELLE REGIONI A PIU’ ALTO RISCHIO IN POOL LA CAMPANIA LOMBARDIA, EMILIA ROMAGNA E VENETO, SICILIA, CALABRIA.

DI GIOVAMBATTISTA RESCIGNO

Era prevedibile che iniziassero nuovamente ad attivarsi i focolai da Coronavirus, e che i contagi si espandessero tra i giovani, uno studio del prof. Ascierto, sancisce che i focolai si attivano in questo momenti in modo particolare tra i giovani, e questo grazie alla movida, alle frequentazioni di massa di locali e ritrovi per i fine settimana, una libertà incontrollata, dove non si rispettano le regole delle distanze, dove tutti sono senza mascherina, e dove capita di vedere giovani, che bevono dallo stesso bicchiere, insomma tutto pronto per far si che al più presto si ritorni al lockdown. Le riaperture delle attività economico commerciali che dovevano servire per il rilancio della economia, pr far ripartire la nazione e non farla cadere ancor più in una crisi economica importante, grazie alla gestione di una libertà incontrollata da parte dei giovani, rischia nuovamente di essere sottoposta a chiusura, ed allora è proprio vero siamo un popolo che ha veramente bisogno del pastore, che ha bisogno di chi lo guida, perché incapace di autogestirsi senza arrecare danno ad altri. Allora in questo caso ci vogliono, come asseriva il Governatore De Luca, in uno dei suoi interventi “I Carabinieri con i Lanciafiamme”. Stiamo dimostrando di essere in gran parte un popolo di incontrollabili e di irresponsabili, ed infatti lo si vede dalla statistica si stanno espandendo nuovi focolai sotto il controllo del Ministero della Salute e dell’Istituto superiore della Sanità. Già nel report 8, relativo ai dati tra il 29 giugno e 5 luglio, si contavano ben 636 focolai attivi, e negli ultimi dieci giorni nuovi cluster sono stati segnalati ovunque, in particolare nelle regioni considerate a più alto rischio, come Lombardia, Emilia Romagna e Veneto, e poi al Sud come Sicilia, Calabria, Campania. Ciò vuol dire che o ci si da una regolata o ci si richiude in casa, quindi carissimi giovani, a voi le belle cose.

0 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Archivio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItalian
it_ITItalian